Un pensiero su Medicina Nucleare

Dalla Redazione

Medicina Nucleare è una nuova casa editrice di fumetti, progetto partorito dalla testa dell’editore Diego Gabriele, la testata si presenta al pubblico nel febbraio del 2001.

 L’iniziativa della casa editrice è quella di dare la possibilità ad autori esordienti di presentarsi

 nel mondo fumetto italiano, infatti, Medicina Nucleare non impone alcun canone ne espressivo ne di sceneggiature e per questo la stessa non ha uno stile ben determinato.

 La testata editoriale momentaneamente si propone al pubblico con due produzioni, “Medicina Nucleare” da venti pagine, dove è presentato ogni mese un autore esordiente e gli “Albi speciali di Medicina Nucleare”, dove l’editore organizza insieme con il disegnatore una mini-serie

 composta di più albi da sessantaquattro pagine.

 Fino ad oggi sono state prodotte sei uscite, “Medicina Nucleare numero zero -BottaReale- di Goris”, uscito nel mese di febbraio racconto con stile grottesco, dove viene trattato con allegria ed irrazionalità l’argomento della droga.

Nel mese di marzo viene pubblicato “Medicina Nucleare numero uno -Odontonauta- di Diego Gabriele” storia che tratta della mancanza di dialogo in un futuro molto vicino; il fumetto viene seguito nel mese successivo dal numero due “nel rispetto della legge di Lotti e Cito” che tratta la storia di un commesso viaggiatore e di ciò che scoprirà visitando un piccolo paese.

 Il numero tre “Heart of Chastity di Alessandro Boni” è la prima novità di Medicina Nucleare, infatti, questo albo è soltanto una presentazione della storia effettiva che verrà approfondita con le uscite degli albi speciali che inizieranno da settembre, ma questa non è l’unica novità di questo fumetto, infatti, in questo numero è presente il primo allegato, dieci card da collezione con ritratti alcuni dei protagonisti di “Heart of Chastity”. 

 Le ultime due uscite, aprano il periodo estivo, “l’Homm’Em’Merd!” di Nieddu parodia del superuomismo e nel numero cinque “il deposito delle meraviglie” di Dominici e Panepuccia,

 racconto ambientato nel futuro con due adolescenti come protagonisti.

 Medicina Nucleare in questi primi mesi di vita, ha partecipato a diverse mostre-mercato, Torino Comics, HIU7 (manifestazione riguardante il fumetto underground, organizzata al Leoncavallo) e nel mese di giugno la mostra-mercato organizzata dall’ANAFI; in queste manifestazioni Medicina Nucleare, grazie hai consigli dei lettori incontrati allo stand, si è resa conto di alcune lacune che ha la sua produzione.

La foto fatta a Reggio alla Stand di Reggio Emilia Due dei autori delle collane di Medicina Nucleare.

Grazie hai consigli la casa editrice, sta migliorando, uno dei problemi maggiori era che Medicina Nucleare, non era distribuita nelle edicole, infatti, molti dei nostri lettori desideravano acquistare gli albi il mese stesso, senza essere costretti ad ordinarli tramite le librerie o tramite internet, questo problema è in parte risolto, perché dal mese di giugno la testata sarà in alcune edicole d’Italia, con la speranza che da settembre avremo copertura totale in tutta la penisola.

 Quella della distribuzione non è l’unico problema che la testata editoriale a deciso di risolvere,

 dal mese di gennaio’02, l’albo di venti pagine diverrà più voluminoso aumentando le pagine a trentadue, con l’inserimento quindi di più pagine a disposizione del disegnatore e alcune pagine dedicate al lettore, con informazioni sulle prossime uscite, sui disegnatori e un luogo dove i nostri lettori ci potranno criticare.

 La casa editrice è ancora molto giovane, inesperta e con ancora alcuni difetti da migliorare.

 Per aver maggiori informazioni basta visitare il sito www.medicinanucleare.net

Torna all'Indice

OK

Questo sito web fa uso di cookies. Si prega di consultare la nostra informativa sulla privacy per i dettagli.