Cataloghi o riviste magari, anteprima

Il noto e glorioso Anteprima di AD Alessandro Distribuzioni poi diventato Panini

Ne e passata di acqua sotto i ponti di Bologna da quando e nata Anteprima di Alessandro Pastore. Noto a tutti come "Alessandro" e basta. Pur conoscendolo dalla metà dei anni 70' con i suoi negozi di usato e la passione per il materiale francese. Con un occhio avanti e due di dietro. Il Mio amico Alessandro aveva le idee chiare e precise di quello che si fa per vendere il fumetto.

Anteprima di Alessandro Distribuzioni

 Qualche volta l'abitudine di conservare le cose e un bene, lo so non tutto si può tenere e sono d'accordo con voi su questo argomento. Infatti facendo il database del fumetto in qualche modo sono stato costretto a tenermi certa documentazione e liberarmi di altra che non era strettamente necessaria. Così mi sono tento tutti gli anteprima dal Nr 1 al ultimo pubblicato, ma non solo ho anche una bella sfilza di Mega della Pegaso. Tanto per cambiare, così ho una bella collezione di carta direte voi. No assolutamente per me e uno strumento di lavoro necessario per il controllo delle cose pubblicate sul fumetto. Se ci pensate il primo albo di Anteprima A.D. e del Ottobre 1991 stava per partire la mania del fumetto in Italia e in buona parte del mondo Occidentale. Come sempre il mio amico Alessandro aveva anticipato alcune cose che altri avrebbero fatto dopo. Per la verità Anteprima era uscita anche sotto un altra forma più anonima e meno importante, come i suoi cataloghi semestrali e prima ancora con le recensioni di Fumo di china. Infatti i primi numeri di Anteprima ricalcano molto la grafica che era stata usata per Fumo di chine e alcune pubblicazioni della stessa AD. Di certo nell'impaginazione ci sarà stato lo zampino di Paolo Ferriani anche se in parte dell'art director e Marzia Tullio. Dal gruppo di fumo di china alcuni ragazzi hanno continuato la collaborazione come Luca Scatasta. Ma ne troveremo altri che in qualche modo sono noti al grande pubblico del fumetto Italiano. Per qualche numero la rivista e uscita spillata senza copertina. Un po per la questione di costi un po perché fare delle copertine richiedeva più tempo. Intanto vi do alcuni dati il formato era orizzontale 24x17 Cm teoricamente costava Lire 3.000 ma veniva data in omaggio ai abbonati. Le pagine sono ben 32 in bianco e nero. La copertina del primo numero e dedicata a Milo Manara che pubblicizza il secondo volume di Il Gioco 2. Mentre il secondo e dedicato a Magnus e I Briganti. Il terzo a Blueberry il quarto a Ken Parker per arrivare al Nr 8 dell'Aprile 1992 dove troviamo la prima copertina a coloro e non più spillato incollato. Dal Nr 3 va ricordato che la rivista e gestita come Kappa, ovvero i Kappa boys. Che saranno il motore della Star Comics e più tardi delle stessa Kappa edizioni. Ma ne parleremo in un altra occasione, magari per il prossimo Kappa Day che si presume venga fatto a Bologna quando e in che data non lo so ma presto. Torniamo a noi e alla Anteprima. 

Ah si dove eravamo rimasti si al Numero 8 della rivista. Oltre alla copertina a colori sono aumentate le pagine dalle 32 originali siamo passati alle 66 attuali ma i cambiamenti non si fermano solo a quello. Purtroppo anche il prezzo della copertina e lievitato a lire 5.000 Mica poco se consideriamo che un albo dei supereroi costava la bellezza di 2.700 lire e i Play Extra e Play Saga a 4.000 lire Il Tex e Dylan Dog a 2.300 lire, se ricordo bene ma si controlla. In quel periodo stava spopolando anche un altro fenomeno quello dei manga in lingua originale, cioè il Giapponese. In quanto siano stati in grado di leggerlo per me e ancora un mistero. Posso dire e che gli albi non avevano dei prezzi popolari andavano dalle 9.000 lire fino alle 12/15.000 lire e volumi di 900pp a 32.000 lire. Cose da chiodi. Ma erano altri tempi e altre fantasie, sono passati ben 15 anno da allora.

 Passa il tempo e cambiano le mode anche anteprima si adegua cambiando la grafica delle copertine Con il Nr 28 del Dicembre 1993 cambia la grafica e inserisce delle Card in omaggio. E scoppiato il Boom delle Trading Card Moda Made in USA che poi col senno di poi si rivela una bolla speculativa. Nella parte della redazione ci sono dei cambiamenti, alcuni se ne sono andati altri sono arrivati. La grafica e di Paolo Ferriani e in redazione Luana Ravaglia. Il prezzo e lo stesso Lire 5.000 unica nota positiva Gli auguri di buon Natale 1993.

Che tempi felici allora, era la grande AD Distribuzioni. Chi sa che fina hanno fatto tutti Loro. Solo di alcuni ho la traccia degli altri un Mistero. Con il Nr 42 uscito nel mese di Febbraio 1995 le pagine salgono a 96. Ma siamo già al mese di Maggio 1995 per dire addio alle 4 Favolose Card in omaggio. Da un po di tempo si sente dire che la AD Distribuzioni dovrebbe cambiare padrone. Vero non e vero. Boh! Si parla con una certa insistenza che il tutto sia rilevato dalla Marvel Italia alias I patron della Panini. E giù delle cifre da miseria o da favola. Ma alla fine le cose si confermano Alessandro Pastore passa la mano alla Marvel Italia e viene creato il marchio a doc. Pan Distribuzione. La sede e quella Vecchia della AD. Il Numero di Anteprima e il 69 del maggio 1997. Finisce un Epoca della distribuzione a Bologna. Ma comincia anche il canto del cigno del fumetto. Tra il Nr 68 e il Nr 69 cambia poco se non il direttore che e Pietro Millosevich il Nome dell'editore e poco altro. Alla fine del 1997, il calo delle vendite non e cosa evidente ma ormai il mondo e cambiato. Con il Nr 77 del Gennaio 1998 un altro cambiamento grafico niente di particolare, solo un ritocco qua e uno la et evualà Il nuovo Anteprima con 88 Pagine e lo stesso prezzo. Passa poco tempo che il mese successivo e le pagine sono 108 e il prezzo e di Lire 5.000 mica male. Sarà perché a Ottobre una volta si partiva per la scuola ma, con il mese di Ottobre 1998 e il Nr 86 le pagine fanno una magia si trasformano in 128 pagine e nello stesso numero abbiamo parecchie pagine e Colori come inserti. Cambiamenti anche nella redazione Il nuovo direttore responsabile da un po di tempo e Alex Bertani. La grafica e curata da Roberto Grassilli.

Con il Nr 91 una altro ritocco grafico e nulla di più. Chi resiste alle peripezia di Anteprima e lui il Mitico Luca Scatasta. Un altro fedele collaboratore e Omar Marini. Si e proprio illo, Editore di Black Velvet. Da quando e nata Anteprima sono cambiate un sacco di cose un sacco di gente ha cambiato mestiere solo due cose continuano imperterrite. Anteprima e Topolino, Tex, Zagor, la Bonelli, Alessandro, Sono scomparse molte persone, autori editori case editrici e altro. Ma questa e un altra storia. Anzi per correttezza devo dire che è un altra puntata. Si perché pensavo di dire due cose su anteprima, ma poi mi sono reso conto che la rivista porta con se anche un bel pezzo di storia del fumetto italiano dal 1990 a oggi. Quindi a breve fra qualche mese.

 Come sempre da Miro un saluto. 

Torna all'indice

OK

Questo sito web fa uso di cookies. Si prega di consultare la nostra informativa sulla privacy per i dettagli.